Mosaico con Ecclesia Romana e gli altri resti dell’antica basilica di San Pietro

In questo mosaico policromo in pasta vitrea risalente al XII sec. d.C. è rappresentata l’Ecclesia Romana (Chiesa di Roma) con il capo coperto da una ricca corona gemmata. È solo un frammento dell’originaria decorazione del fascione inferiore dell’abside di San Pietro realizzata sotto il pontificato di Innocenzo III (1198-1216) e distrutta nel 1582 all’epoca dei grandi lavori per il rifacimento della basilica. Dell’antica decorazione sopravvivono solo altri due resti: uno con il volto del papa Innocenzo III e uno e con l’Araba Fenice coronata dal disco solare, simbolo di resurrezione tutti conservati nella Sala IX dedicata all’Arte romana e medievale del Museo Barracco.

Dettaglio del mosaico policromo, Ecclesia romana, XII sec. d.C, dalla Basilica di San Pietro2
Papa innocenzo III, frammento dal mosaico absidale di San Pietro, Roma, Museo di Roma
Frammento dal mosaico absidale della Basilica di San Pietro in Roma, Museo di Roma

Il volto della chiesa

(Madre Trinidad, 14-11-1959 )

Chiesa mia, come sei bella! Tutta bella sei, Figlia di Gerusalemme.
“I tuoi occhi sono colombe”, perché il tuo guardare è con lo stesso guardare del Padre.
La tua bocca è tutta dolce, soave, perché la tua bocca è lo stesso Verbo Incarnato che, rompendo in Parola, esce attraverso di Te.
Chiesa mia, sei accesa. “Le tue guance sono come lo scarlatto”, arrossate dallo stesso fuoco dello Spirito Santo.
Sei “esercito in battaglia”, regina con la tua regalità ricevuta dallo stesso essere di Dio, forte con la stessa fortezza del “Leone di Giuda”.